BLOG

08/12/2021
Vaccini anti-COVID nei bambini. Quali i dubbi.

Vaccini anti-COVID nei bambini. Quali i dubbi.


Dal 1 dicembre 2021 AIFA ha approvato la somministrazione di Comirnatyil vaccino a mRNA di Pfizer-BioNTech, nella fascia di età 5-11 anni. L'approvazione è avvenuta in seguito ai dati sulla sicurezza ed efficacia raccolti nei mesi di sperimentazione.
A differenza degli adulti, nella fascia di età 5-11 anni la vaccinazione è somministrata con un dosaggio pari ad un terzo. La vaccinazione avviene in due dosi a tre settimane di distanza l'una dall’altra. La composizione del vaccino è identica a quella somministrata agli adulti, cambia solo il dosaggio.

Dalle analisi, oltre all'estremo profilo di sicurezza, è emerso che il vaccino ha avuto un'efficacia nell'evitare di sviluppare sintomi da Covid-19 del 90,7%.

QUALI SONO I POSSIBILI EFFETTI COLLATERALI?

Gli effetti collaterali più comuni sono simili a quelli riscontrati negli adulti, ovvero dolore nel sito di iniezione, febbre, mialgia e spossatezza. In base allo studio pubblicato e ai dati accumulati su oltre tre milioni di somministrazioni avvenute negli Stati Uniti, la frequenza di questi disturbi risulta inferiore rispetto agli adulti.




 Perché è importante vaccinare i bambini contro Covid-19?  

 Il vantaggio della vaccinazione nei più piccoli è duplice: da un lato si evita la malattia -sviluppare Covid-19 è estremamente più rischioso della vaccinazione- dall'altro evitare nuovi casi nei più piccoli genererà a cascata effetti positivi sul resto della popolazione.






A differenza di quanto accaduto inizialmente, dove i nuovi contagi nei bambini rappresentavano una percentuale estremamente bassa, oggi a causa delle mutazioni accumulate nel tempo Sars-Cov-2 colpisce indistintamente adulti e bambini. Affermare dunque che Covid-19 è una malattia che non colpisce i bambini è totalmente infondato.


Che i bambini superino la malattia con maggiore successo rispetto alle fasce di popolazione anziana è  un dato di fatto. Attenzione però a non confondere il messaggio.  Sars-Cov-2 è entrato nella lista delle prime dieci cause di morte in età pediatrica. Nessun bambino è invece deceduto per la vaccinazione.


Come per gli adulti, anche i bambini che superano la malattia possono sviluppare forme di long-covid, la sindrome post infezione che può debilitare una persona sotto molti aspetti anche per parecchie settimane dopo la negativizzazione.







Articoli correlati

Commenti

Scrivi un commento